Benvenuto! Accedi o registrati.
News:
Pagine: [1]   Giù
  Stampa  
Autore Topic: quando la sicurezza a tutti i costi diventa dannosa. ovvero, facciamoci del male  (Letto 2021 volte)
0 Utenti e 1 Utente non registrato stanno visualizzando questa discussione.
Crono
Ragazzaccio
Super forumista
*****
Post: 32.736



« il: 18 Agosto 2009, 13:04:02 »

qualche giorno fa il famoso incidente sul fiume hudson, uno degli spazi aerei piu' affollati del pianeta. tutti avrete sentito le varie, assurde richieste: chiusura di quello spazio aereo, installazione obbligatoria di TCAS, e strupidaggini varie, sino alla ricerca spasmodica del capro espiatorio, probabilmente il CTA che ha avuto la megasfiga di essere di turno al momento. nessun danno a terzi o a infrastrutture e' stato causato, a parte la perdita dei velivoli. l'intero mondo e' rimasto sconvolto dall'accaduto e se ne parlera' per anni.

quasi esattamente un'anno fa, questo incidente sulla A4. anche qui, sette morti, ma ingenti danni a cose e infrastrutture.

INCIDENTE AUTOSTRADA A4 SETTE MORTI TIR IMPAZZITO SALTA LA CARREGGIATA VIDEO SHOCK 08-08-2008


in questo caso, nessuno ha reclamato la chiusura della A4, l'abolizione dei TIR, la costruzione di muri di cemento tra le due carreggiate, l'installazione di improbabili sistemi anticollisione, di martinbaker o di serbatoi antiscoppio, o ha cercato di portare al banco degli imputati qualcuno a parte le persone coinvolte nell'incidente. poche ore dopo l'A4 era riaperta al traffico,  pochi giorni dopo, nessuno si ricordava piu' di questo incidente. il mondo e' rimasto ignaro dell'accaduto, e l'italia ha sbadigliato.

ogni anno in italia avvengono migliaia di incidenti stradali, nel 2007 230mila con 5.100 morti. di questi incidenti, circa un quarto ha coninvolto veicoli isolati, e tre quarti ha coinvolto piu veicoli.
in aviazione, una sparuta minoranza di eventi riguarda piu' di un aereo, e i danni a terzi sono eventi rarissimi. ciononostante, l'assicurazione RC del mio beechcraft 4 posti, che pesa 1044 kg a pieno carico, e' piu' che doppia di quella della mia alfaromeo 156, che pesa 1500kg a vuoto e porta 5 persone a bordo. i motivi di cio' mi sono oscuri, ma temo abbiano a che fare con la paranoica, spasmodica richiesta di sicurezza totale a tutti i costi.
la realta' e' che i soldi spesi in RC sono praticamente un regalo alle assicurazioni, visto che nel 99% dei casi gli incidenti danneggiano solo chi era in volo.

ora, non mi stupisce tanto che le richieste di sicurezza totale, ottenibile peraltro solo mediante la messa a terra di tutto e tutti, venga dal popolo bue, al quale i nostri ineffabili media passano tonnellate di spazzatura, distorsione, disinformazione e balle belle e buone. d'altro canto, chi vorrebbe mai vedersi piovere in testa 1000 kili di alluminio, ma anche solo 300kg di legno o tela? certo, non sarebbe male far presente che e' assai priu' probabile essere colpiti da un fulmine che da un cessna o da un tecnam, ma non mi aspetto certo che i giornalisti decidano di passare addirittura INFORMAZIONI al volgo.

quello che mi stupisce assai e' che fasce enormi di addetti ai lavori come piloti, controllori eccetera siano saltati con convinzione su questa carrozza della sicurezza totale a ogni costo, che viaggia a tutta forza verso il niente.

la ricerca della sicurezza e' ovviamente doverosa, ma la ricerca della sicurezza totale e' una chimera irragiungibile che otterra' solo la fine del volo da diporto.

il VDS italiano ha dimostrato che al di fuori del controllo di agenzie governative in una ventina di anni il settore ha raggiunto virtualmente la perfezione. i mezzi sono prestanti e sicurissimi, i piloti volano a sufficienza, e si e' arrrivati a un punto dove e' difficile trovare un pattern tra gli incidenti, che sono secondo il mio modesto parere arrivati a un minimo fisiologico molto difficile da migliorare: gli incidenti sono praticamente tutti causati da motivi come
- stupidaggini del pilota (volo radente, acro a bassa quota etc),
- iella mostruosa (il samba l'anno scorso, T7-MLK, il barone rotto etc)

e da un numero di incidenti inspiegabili come quello di tannoja.
rimangono gli incidenti per ingresso accidentale in IMC sui quali sapete bene la mia posizione, e quelli per piantata motore, sui quali pero' in genere contribuisce una dose massiccia di jella, ma anche una cultura del rifornimento che e' perfezionabile a costi bassissimi.

da qui la mia teoria della sicurezza tramite la  popolarizzazione del volo

se tutti avessero un'aereo invece di una auto ci sarebbero migliaia di incidenti ogni anno, ma percentualmente pochissimi rispetto al numero di piloti e aerei, e di fronte a incidenti come quello dell'hudson il mondo sbadiglierebbe e non ci sarebbero inutili, costose strette normative come quella che quasi certamente arrivera', in un modo o nell'altro.





Loggato

We use 43 muscles to frown, 17 to smile, and 2 to pull a trigger. I'm lazy and I'm tired of smiling.
CAT4R4TTA
Super forumista
*****
Post: 8.539



WWW
« Risposta #1 il: 18 Agosto 2009, 13:24:14 »

Fai solo una correzione: togli "il barone rotto" dalla categoria jella, e mettilo nella categoria "oggi mi voglio ammazzare a tutti i costi". Alla fine ha avuto ragione, e ce l'ha fatta.

Loggato

Everybody talks about the weather, but nobody does anything about it
Southampton (UK) - VDS avanzato, PPL ritardato JAA ed FAA. iChat: disimpli (AT) gmail.com Skype: cat4r4tta
Crono
Ragazzaccio
Super forumista
*****
Post: 32.736



« Risposta #2 il: 18 Agosto 2009, 14:00:20 »

hai ragione, ma ammazzarsi per una piantata motore con un ULM secondo me ci vuole anche parecchia jella.



Fai solo una correzione: togli "il barone rotto" dalla categoria jella, e mettilo nella categoria "oggi mi voglio ammazzare a tutti i costi". Alla fine ha avuto ragione, e ce l'ha fatta.


Loggato

We use 43 muscles to frown, 17 to smile, and 2 to pull a trigger. I'm lazy and I'm tired of smiling.
AfricanEagle
Super forumista
*****
Post: 4.800


Happy only when flying


« Risposta #3 il: 18 Agosto 2009, 23:17:58 »

GM, su questo post siamo d'accordo  Smiley

Citazione
Fai solo una correzione: togli "il barone rotto" dalla categoria jella, e mettilo nella categoria "oggi mi voglio ammazzare a tutti i costi". Alla fine ha avuto ragione, e ce l'ha fatta.

Sandro, non conosco l'esito dell'indagine- Perchè dici ciò?
Loggato

I miei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia.
CAT4R4TTA
Super forumista
*****
Post: 8.539



WWW
« Risposta #4 il: 19 Agosto 2009, 10:07:44 »

hai ragione, ma ammazzarsi per una piantata motore con un ULM secondo me ci vuole anche parecchia jella.


Ci vuole jella, ma quando per 3 (TRE) volte consecutive abortisci il decollo perché il motore non va... E kmq se fosse infilato dritto nel campo davanti invece di rientrare...

A quanti siamo quest'anno di incidenti mortali? 8-10? Io penso fossero tutti tutti evitabili...
Loggato

Everybody talks about the weather, but nobody does anything about it
Southampton (UK) - VDS avanzato, PPL ritardato JAA ed FAA. iChat: disimpli (AT) gmail.com Skype: cat4r4tta
OOAVA
Super forumista
*****
Post: 5.184


« Risposta #5 il: 19 Agosto 2009, 12:05:59 »

Crono
sottoscrivo al 100% quanto dici. Proporrei al Popolo dell Ignoranza Aeronautica  che ogni anno vince le elezioni con il 99,8% dei voti, questo scenario in modo da migliorare la sicurezza aerea e portarla ai livelli di quella comunemente accettata sulle strade.

"Aeroporto X. meteo:  1 KM visibilita  TSRA  sull aeroporto vento 30KT variabile     Di buon mattino  Un centinaio di piloti   la maggioranza  in preda all alcol e altri fatti di coca  entrano vociando e barcollando sul  tarmac dopo  6 o 7 ore di bagordi notturni  salgono sugli aerei, e senza nessun check sgommano decollando sia dal piazzale sia dalle taxiway sia dalle piste senza tener minimamente conto di  niente "
tralascio le possibili conseguenze

Il bello della questione e`che ci trattano peggio di questa ciurma di debosciati. Noi siamo PIU PERICOLOSI.

qualcuno non ricordo chi disse  "Nulla da  più l idea dell infinito che l ignoranza (o la stupidità) umana."

ooava



« Ultima modifica: 19 Agosto 2009, 12:34:15 da Crono » Loggato
Crono
Ragazzaccio
Super forumista
*****
Post: 32.736



« Risposta #6 il: 19 Agosto 2009, 12:36:24 »

gli incidenti sono tutti evitabili, basta non volare...




A quanti siamo quest'anno di incidenti mortali? 8-10? Io penso fossero tutti tutti evitabili...
Loggato

We use 43 muscles to frown, 17 to smile, and 2 to pull a trigger. I'm lazy and I'm tired of smiling.
Ospite
Forumista senior
****
Post: 410


« Risposta #7 il: 19 Agosto 2009, 12:55:35 »

gli incidenti sono tutti evitabili, basta non volare...
La mia corona di Re dei Retori ha cambiato testa!  Cheesy Cheesy Cheesy Cheesy Cheesy

(e 'mo bannami  Cry)
Loggato
mikey4468
Super forumista
*****
Post: 4.467


« Risposta #8 il: 22 Agosto 2009, 10:37:21 »

Ricordo che, anni fa, durante un corso di sicurezza volo, il "retore" (nel senso di quello che teneva il corso Wink) ci fece vedere un grafico con in ascissa i costi ed in ordinata il numero di incidenti spigandoci che qualunque "business aeronautico" (sia esso commerciale o anche solo per diporto) è un sistema "a gestione del rischio". Incidenti zero = bancarotta, Sicurezza zero = bancarotta. "In medio stat virtus", il vero problema è trovare questo "medio" Smiley

Riguardo al discorso assicurativo, invece, credo che il maggior costo sia dettato in buona parte dal minor numero di polizze stipulate. In fondo il business assicurativo è pesantemente basato su analisi statistiche.
Loggato
snoopy
Super forumista
*****
Post: 2.274



« Risposta #9 il: 25 Agosto 2009, 23:58:20 »

Comunque GM e ragazzi: non se ne può più dei paragoni con gli incidenti stradali...

Quest'anno cambiamo genere: proviamo con gli anziani che muoiono di polmonite e/o complicanze paracardiache.

Poi, magari, l'anno prossimo (se proprio ci tenete così tanto) torniamo agli incidenti stradali...
Loggato
Crono
Ragazzaccio
Super forumista
*****
Post: 32.736



« Risposta #10 il: 26 Agosto 2009, 09:26:53 »

non vedo perche'. invece mi sembrano paragoni adatti a mostrare la totale differenza di approccio mentale alle due cose.

se l'approccio fosse simile i costi del volo sarebbero una frazione.


Comunque GM e ragazzi: non se ne può più dei paragoni con gli incidenti stradali...

Quest'anno cambiamo genere: proviamo con gli anziani che muoiono di polmonite e/o complicanze paracardiache.

Poi, magari, l'anno prossimo (se proprio ci tenete così tanto) torniamo agli incidenti stradali...
Loggato

We use 43 muscles to frown, 17 to smile, and 2 to pull a trigger. I'm lazy and I'm tired of smiling.
Pagine: [1]   Su
  Stampa  
 
Vai a:  


Copyright 2008-2016 © VFRFlight.net | Cookies and privacy policy

Powered by SMF 1.1.9 | SMF © 2006-2009, Simple Machines LLC
XHTML | CSS | Aero79 design by Bloc