Benvenuto! Accedi o registrati.
News:
Pagine: [1] 2 3 4   Giù
  Stampa  
Autore Topic: Volo a vela  (Letto 4335 volte)
0 Utenti e 1 Utente non registrato stanno visualizzando questa discussione.
Arturo (sesterzio)
Super forumista
*****
Post: 3.071


« il: 15 Luglio 2016, 00:08:32 »

Su questo forum c'è di tutto: armi, trasporti, energia, ... e ovviamente anche aerei di tutti i tipi, BENE, mi sembra che manchino un po' di discussioni sul volo a vela.

Visto che sono a Rieti (per chi non lo sa è la mecca del volo a vela in Italia con un club che organizza stages tutti gli anni) e ho incontrato dei ragazzi molto bravi MA che fanno parte della grande maggioranza silenziosa del forum, ovvero quelli che leggono ma non intervengono ho pensato che potesse essere utile aprire delle discussioni anche sul volo a vela.

Personalmente sono un pivello ma penso che ci siano molti temi interessanti che possono svegliare la curiosità anche di molti altri piloti.
Volare a vela NON è come pensa la maggior parte delle persone: non si vola silenziosamente in mezzo alle nubi e a paesaggi idilliaci.
E' vero che si vola vicino alle nubi e che i paesaggi sono bellissimi e anche che c'è silenzio ma il riscontro della realtà con l'immaginario finisce qui.   Riuscire a guadagnare quota richiede spesso manovre decise e "spiralare" per restre all'interno di una termica non è esattamente un volo tranquillo.

Bene, ho tirato il sasso senza nascondere la mano, ora tocca a voi.
Se la cosa dovesse avere successo potremmo pensare (credo) anche ad un'area specifica.

Saluti Arturo
« Ultima modifica: 15 Luglio 2016, 00:15:53 da Sesterzio » Loggato

AeCI-Siena LIQS (+ LIMW, KTPF)  AOPA 4184
Werner
Super forumista
*****
Post: 3.726


nonno STOL


« Risposta #1 il: 15 Luglio 2016, 05:52:17 »

Tanto per parlare. Mi sembra che il volo a vela é poco diffuso perché si vogliono forzosamente attaccare all' aviazione generale, restando lontani dal VDS e dai deltaplani. Il traino costa carissimo, occorre sempre un aeroporto o aerosuperficie registrata (salvo smontarlo), in Italia i verricelli sono rarissimi, i trainatori ultaleggeri sono vietati e mi sembra anche che si faccia di tutto per non cambiare. Peccato!
Spesso viene visto a torto come un brevetto minore rispetto al PPL. Altro grave errore. Dovrebbe essere il top delle discipline aeronautiche.
Loggato

a NordEst di LIPB.
ClaF
Admin
Super forumista
*
Post: 19.077


coltivatore di VFR-qualcosa


WWW
« Risposta #2 il: 15 Luglio 2016, 14:27:52 »

Mia moglie mi ha regalato un volo in aliante, a Novi, che prima o poi riuscirò a fare.
Anche se il mio primo volo in ala fissa – avevo 10 anni ed ero a LIMA – fu proprio su un aliante Wink

Loggato

ClaF™
"(volare) rimane per me sempre ancora un grande mistero, una passione, un qualcosa di infantile e di irreale." – F. Giaculli
Crono
Ragazzaccio
Super forumista
*****
Post: 32.121



« Risposta #3 il: 15 Luglio 2016, 15:31:37 »

in svizzera francia e germania l'aliante e' molto praticato


il problema e' che ci vogliono i trainatori, che sono aerei di AG e come tali soggetti alle follie di EASA e ENAC
Loggato

We use 43 muscles to frown, 17 to smile, and 2 to pull a trigger. I'm lazy and I'm tired of smiling.
Werner
Super forumista
*****
Post: 3.726


nonno STOL


« Risposta #4 il: 15 Luglio 2016, 22:41:45 »

Non capisco perché ci sono cosí pochi verricelli. Basta un campo volo di 300m attaccato ad una stradina lunga lunga.
A Monaco trainano l allievo per 5€, da noi costa anche 60€.
Loggato

a NordEst di LIPB.
Ragno
Super forumista
*****
Post: 1.277



« Risposta #5 il: 15 Luglio 2016, 22:47:32 »

il volo a vela richiede una maggiore dedizione e disponobilità di tempo rispetto al volo a motore
È questo il principale motivo che lo limita
Oggi un aliante ultraleggero costa molto più di un ottimo usato "AG"
Con i vericelli puoi fare solo un certo tipo di attività e solo in alcuni posti
Loggato

Marco Bulgheroni - Varese
Savannah pinna gialla :-)
snoopy
Super forumista
*****
Post: 2.247



« Risposta #6 il: 28 Settembre 2016, 00:38:33 »

Mia moglie mi ha regalato un volo in aliante, a Novi, che prima o poi riuscirò a fare.
Anche se il mio primo volo in ala fissa – avevo 10 anni ed ero a LIMA – fu proprio su un aliante Wink

Quando decidi fammi un fischio e ti faccio trovare la banda...
Loggato
Max_Lento
Super forumista
*****
Post: 573



« Risposta #7 il: 28 Settembre 2016, 08:00:51 »

Ho cominciato da poco il corso GPL ad Aosta, dato che per me il PPL è proibitivo. E un volo assai più tecnico del mio solito girellare corto VDS, e lo trovo assai formativo, stimolante e (per ora) divertente.
Concordo che i costi ci sono, specie per il traino e il noleggio, e anche il tesseramento non scherza, e mettiamoci anche la visita medica annuale di rinnovo. Ma se metto sull'altro piatto le mie 30 ore di VDs annue con manutenzione al mezzo e tutto il resto probabilmente faccio pari .   Wink
Loggato

Massimo Bologna - Castellamonte TO
Arturo (sesterzio)
Super forumista
*****
Post: 3.071


« Risposta #8 il: 28 Settembre 2016, 14:52:23 »

Ho cominciato da poco il corso GPL ad Aosta, dato che per me il PPL è proibitivo. E un volo assai più tecnico del mio solito girellare corto VDS, e lo trovo assai formativo, stimolante e (per ora) divertente.
Concordo che i costi ci sono, specie per il traino e il noleggio, e anche il tesseramento non scherza, e mettiamoci anche la visita medica annuale di rinnovo. Ma se metto sull'altro piatto le mie 30 ore di VDs annue con manutenzione al mezzo e tutto il resto probabilmente faccio pari .   Wink


Ottima scelta!
Anche io come aliante sono basato ad Aosta.
Una volta che hai imparato li ... le condizioni di vento "proibitive" per altri campi ti faranno sorridere.
Comunque è un bell'ambiente e anche le montagne intorno sono veramente belle.

Qualche volta ci incontriamo sicuramente.
Ciao Arturo
Loggato

AeCI-Siena LIQS (+ LIMW, KTPF)  AOPA 4184
ClaF
Admin
Super forumista
*
Post: 19.077


coltivatore di VFR-qualcosa


WWW
« Risposta #9 il: 28 Settembre 2016, 14:58:19 »

Mia moglie mi ha regalato un volo in aliante, a Novi, che prima o poi riuscirò a fare.
Anche se il mio primo volo in ala fissa – avevo 10 anni ed ero a LIMA – fu proprio su un aliante Wink

Quando decidi fammi un fischio e ti faccio trovare la banda...

Grazie!!! Smiley Smiley
Chissà quando riuscirò...
Loggato

ClaF™
"(volare) rimane per me sempre ancora un grande mistero, una passione, un qualcosa di infantile e di irreale." – F. Giaculli
Max_Lento
Super forumista
*****
Post: 573



« Risposta #10 il: 29 Settembre 2016, 08:11:30 »

@Sesterzio (Arturo)
Grazie, ci vedremo prima o poi, attualmente volo scuola  di venerdi o sabato

Aosta è assolutamente un posto formativo per il volo in quota, Torino per quello di pianura. Credo che sia interessante sperimentare poi anche questa seconda situazione, in quanto uscire dalla valle d'Aosta potrebbe sembrare facile, ma il riuscire a rientrare non è così scontato, almeno per un principiante.
In ogni caso è un mondo particolare, il tempo libero è fondamentale tanto che il volo a vela è per definizione (non mia) il volo dei "lavoratori professionisti" che possono decidere di saltare una giornata lavorativa quando ci sono condizioni ottimali o eccezzionali, tanto poi recuperano. Perchè se hai solo il sabato o magari solo la domenica spesso o non trovi il mezzo o hai un buco orario infelice o il più delle volte dopo mezz'ora sei a terra per scarse condizioni.
Loggato

Massimo Bologna - Castellamonte TO
Nicola I-6683
Super forumista
*****
Post: 727



WWW
« Risposta #11 il: 29 Settembre 2016, 09:54:18 »

sono approdato all'ambiente ULM perchè non riuscivo più a praticare il volo a vela per tutti i motivi espressi nei post precedenti

mi manca, ma non mi sarebbe possibile praticarlo come in passato, con costanza e libertà di tempo

credo comunque che chiunque possa trarre notevole giovamento da una manciata di ore in aliante biposto con un bravo istruttore, non per conseguire il brevetto e praticare il volo a vela ma per comprendere a fondo come e perchè un velivolo se ne sta per aria senza problemi e in modo sicuro, senza motore

...sarebbe un "imprinting" incancellabile e utilissimo
Loggato

Nicola Paggiaro - Vicenza
Michele Volo
Forumista pro
***
Post: 266



« Risposta #12 il: 29 Settembre 2016, 10:45:02 »

Uno degli aspetti non secondari del volo a vela è che può essere praticato in classe CLUB con macchine dal costo di acquisto attorno ai 10-12.000 euro e un costo di mantenimento annuale che non supera i 500 euro

Io volo con un Libelle club, ottima macchina, certo non prestante ma sufficiente per voli in belle giornate di 600 o più km.

E' vero, per il volo a vela ci vuole tempo. Con il passare degli anni in realtà, l'aumento dell'esperienza e delle conoscenze meteo si riescono a centrare bene le giornate di sicura performance e quindi alto godimento.

Devo essere sincero, da quando ho iniziato a fare a volo a vela, in particolare dall'acquisto di un aliante mio il mio modo di vivere il volo è cambiato. L'aliante permette l'esplorazione di fenomeni meteo e zone che hanno dell'incredibile e lo fa dando al pilota una soddisfazione che non ha uguali. E' una continua ricerca della strada migliore, al pilota è richiesto di prendere un numero di decisioni incredibili durante il volo, decisioni dalle quali dipenderà il risultato del volo. L'esplorare l'ignoto, la ricerca di una termica, magari l'ultima per riuscire a tornare a casa, prenderla, centrarla e inziare a salire, sono tutte cose da pelle d'oca. Volo anche con il motore, qualche giretto mi piace farlo ma abituato agli stimoli mentali che mi da il volo di distanza in aliante lo trovo troppo monotono, riduttivo, scontato.

Un breve video di uno dei voli in dolomiti.

https://vimeo.com/131754364

https://vimeo.com/151299616



Loggato
Orsovolante
Forumista newbie

Post: 22



« Risposta #13 il: 15 Ottobre 2016, 15:31:54 »

Tanto per parlare. Mi sembra che il volo a vela é poco diffuso perché si vogliono forzosamente attaccare all' aviazione generale, restando lontani dal VDS e dai deltaplani. Il traino costa carissimo, occorre sempre un aeroporto o aerosuperficie registrata (salvo smontarlo), in Italia i verricelli sono rarissimi, i trainatori ultaleggeri sono vietati e mi sembra anche che si faccia di tutto per non cambiare. Peccato!
Spesso viene visto a torto come un brevetto minore rispetto al PPL. Altro grave errore. Dovrebbe essere il top delle discipline aeronautiche.

Le cose sono un po' più complicate. Tanto per cominciare gli alianti in generale non sono macchine che rientrano nella normativa ULM.
Io volo un PIK 20 che, senza motore, può arrivare a 450 kg di peso massimo al decollo. Ma un Arcus supera tranquillamente la tonnellata.
Molti mono recenti arrivano a 600kg.
Il volo in aliante è quasi sempre fuori dalle regole riservate agli ULM.
Il costo di un aliante ULM è tale che si può comperare un aliante usato con performance ben superiori.
Io volo un PIK20, valore 15.000 euro, 41 di efficenza e 297 km/h di VNE.
Il peso è il motore dell'aliante, scendere troppo di massa pone problemi quando c'è vento. Tant'è che li si zavorra per i voli di performance.
Il traino non costa carissimo. Costa come un giornaliero in una stazione internazionale. Con 45-50 € ti garantisci una giornata di volo. Il problema traini si pone principalmente durante la scuola.
La scarsa diffusione del verricello in Italia non è solo culturale ma ambientale.
Spesso in Italia il verricello non ti porta a quote tali da poter iniziare un volo.
Io stesso scelgo spesso un traino più costoso in montagna, ad uno sgancio basso in pianura. Non ha senso perdere ore per agganciare bassi e risparmiare 20€, se poi butto via la possibilità di fare un volo da 300km perché arrivo tardi sulle creste.

Il traino ULM ha gli stessi problemi normativi di cui si diceva. Obbiettivamente è comunque meno sicuro, visto il peso degli alianti.

In Italia tra i volovelisti c'è una grande percentuale di agonisti. Questo influenza l'organizzazione dei club, il tipo di macchine che volano e che si trovano sul mercato.
Loggato

Volovelista che non disdegna l'aereo a motore ma porta a casa il pane spalmando grasso sugli elicotteri.
Socio aero club Torino e domicilio alternato tra il Piemonte e la Toscana.
Mariko
Super forumista
*****
Post: 15.424


Allenatore di Cachi


« Risposta #14 il: 15 Ottobre 2016, 16:12:33 »

Per quanto riguarda i pesi e le caratteristiche tecniche non ho nulla da obbiettare.
Per la parte normativa consiglio di leggere bene bene bene il dpr133.
Loggato

Ciao
  Mariko


Mariko Bordogna - P92 Trestelle - Baialupo
Pagine: [1] 2 3 4   Su
  Stampa  
 
Vai a:  


Copyright 2008-2016 © VFRFlight.net | Cookies and privacy policy

Powered by SMF 1.1.9 | SMF © 2006-2009, Simple Machines LLC
XHTML | CSS | Aero79 design by Bloc