Benvenuto! Accedi o registrati.
News:
Pagine: [1]   Giù
  Stampa  
Autore Topic: Levaldigi barcellona. Questa mattina  (Letto 800 volte)
0 Utenti e 1 Utente non registrato stanno visualizzando questa discussione.
OOAVA
Super forumista
*****
Post: 5.156


« il: 26 Novembre 2017, 18:44:24 »

L unico elemento da tenere a bada era il,vento.  I metar davano 30 kt a genova. Oltre 40 a marsiglia
Tutto da nord e le cartine in quota 45 kt a 5000 ft e idem a 10000 sempre da N  NW NE
Il qnh in partenza era 1013 e dopo 45 minuti di volo 1027 (quando si dice isobare  ravvicinate..)
L unica soluzione andare su.  Mi tengono  a 2500 fino a mondovi e poi con torino radar ottengo fl105
Che ritengo sufficiente per superare i top dei rilievi intorno ai 7/8000 sull rotta diretta a imperia.
Liscio come l olio nella parte upwind. Appena scavallato e nonostante il buon margine inizia il surf
Dapprima una discesa a 1000 ft/min nonostante avessi i motori a 33"di map quindi oltre il 75pc del power e l OA con 10 gradi a salire.... Successivamente una ascesa a 1500 ft/min nonostante l aereo fosse perfettamente livellato a cruise speed.
Dopo un paio di onde l effetto rientra. Il tragitto cross wind fino a marsiglia e' meno turbolento di quanto mi aspettassi ma i venti erano come impazziti. Sulla carta erano da  N. NW. Ma la GS  ha fluttuato da 118 kt a 187 kt senza motivi apparenti e senza che avessi cambiato il cruise setting dell aereo. Passata marsiglia torna. la normalita e raggiungO tranquillamente LELL . Visibilita ovviamente strepitosa, oltre i 200 km nitidi.
Per la serie nessun volo e' uguale a un altro...
Loggato
philt
Super forumista
*****
Post: 526



WWW
« Risposta #1 il: 26 Novembre 2017, 20:16:57 »

Esperienza simile qui: https://www.euroga.org/forums/flying/3618-bad-turbulence-over-the-ligurian-mountains-today#post_59724

D'inverno, in montagna, i vent forti settentrioniali sono sempre da considerare.
Loggato

Philipp Tiemann
Pilota AG (VFR/IFR)+VDS
www.fliegen-in-italien.de
OOAVA
Super forumista
*****
Post: 5.156


« Risposta #2 il: 27 Novembre 2017, 11:53:35 »

Cancellare un volo in queste circostanze significa togliere all aereo quella flessibilota' e utilita' che rende unica l aviazione generale
 Credo importante analizzare la meteo e cercare di sapere  dove comincera' e dove finira'
Questo tranquillizza ed evita il "magun" di incappare di colpo in una forte turbolenza.
 Agli inizi anche a me non poaceva per niente la turbolenza e mi inquietava. Poi ,riuscendomcol tempo almeno a mapparla. L effetto e' diminuito.
Detto questo, preferisco evitare l esperienza ai passeggeri non-pilots e sono ben contento di essere solo quando picchia forte.  Qualora inevitabile cerco di fare un briefing  spiegando che e' come scendere le rapide di un torrente su una canoa. Se vedi l acqua e le pietre te ne fai una ragione. In aria non si vede niente e bisogna immaginarselo.  Spesso funziona e finora non ho mai avuto un passeggero con crisi di panico e/o indesiderati innaffiamenti del cockpit.....in termini molto generali piu alto sali e meno problemi trovi...
Loggato
bebix
Super forumista
*****
Post: 4.755



« Risposta #3 il: 29 Novembre 2017, 16:20:34 »

Non ci posso credere philt: eri in volo nel giorno più ventoso mai registrato in Versilia. E' stato un episodio forse mai verificatosi e con tempi di ritorno centenari.
Cito dalle cronache dell'epoca:

Passo di Foce a Giovo (crinale della Garfagnana) la zona di massima intensità, con una raffica di ben 188,6 kmh di direzione Nord alle ore 04,15
Ma se su queste altitudini di crinale i venti possono raramente assumere di intensità da uragano, (sul Passo della Croce Arcana, Appennino Pistoiese, si sono a volte superati i 200 kmh), l'intensità raggiunta sulle pianure toscane è straordinaria.
Il vento ha soffiato a 166,7 kmh a Candia Scurtaiola, Massa, a soli 150 metri di quota, ed infatti i danni su tutta la Versilia sono stati gravissimi, con vere e proprie "stragi" di pini caduti sulle strade, macchine e case (125 kmh si sono misurati anche a Forte dei Marmi, sempre in Versilia).


Esperienza simile qui: https://www.euroga.org/forums/flying/3618-bad-turbulence-over-the-ligurian-mountains-today#post_59724

D'inverno, in montagna, i vent forti settentrioniali sono sempre da considerare.
Loggato

Alberto Rametta, P92 E - Aeroclub Pisa LIAT - Campo Volo Puntata
Flak
Super forumista
*****
Post: 11.392


« Risposta #4 il: 29 Novembre 2017, 16:33:56 »

Praticamente Philt ... hai volato in un uragano  Lips Sealed

http://www.meteoweb.eu/2015/03/violenta-tempesta-grecale-devasta-toscana-lanalisi-tecnica-evento-meteorologico-particolarmente-estremo/408128/

La regione più colpita è stata la Toscana che nella prima mattinata di giovedì 5 Marzo 2015 è stata spazzata da una violentissima tempesta di grecale capace di sfornare raffiche degne di un uragano di 1^ categoria sulla scala Saffir-Simpson lungo l’uscita delle principali vallate appenniniche.
Loggato

E Gesù rispose: Guai anche a voi, dottori della Legge, che caricate gli uomini di pesi insopportabili, e quei pesi voi non li toccate nemmeno con un dito! Luca 11,46.
philt
Super forumista
*****
Post: 526



WWW
« Risposta #5 il: 29 Novembre 2017, 19:12:36 »

La cosa interessante è che i venti in quota non erano poi cosi forti. 30/40 nodi trai 5000 e 10000 piedi su quella tratta tra Savona e Nizza (dove si sono verificati queste forte turbulenze).

Infatti, il vento era peggio verso la Toscana.

Comunque, un esperienza che non vorrei ripetere troppo presto... Cheesy
Loggato

Philipp Tiemann
Pilota AG (VFR/IFR)+VDS
www.fliegen-in-italien.de
bebix
Super forumista
*****
Post: 4.755



« Risposta #6 il: 30 Novembre 2017, 12:38:53 »

In realtà quello che dici è corretto, in quanto i danni maggiori il vento li ha fatti in Versilia sostanzialmente per motivi orografici, in quanto si sono create delle specie di gallerie del vento nelle vallate che scendono dalle Apuane e che si aprono sulla costa.
Mi sono ricordato di questo report del LAMMA Toscana che spiega bene la particolare situazione che si determinò, anche a livello barico.
http://www.lamma.rete.toscana.it/clima/report/eventi/vento_4-5_marzo_2015.pdf
Loggato

Alberto Rametta, P92 E - Aeroclub Pisa LIAT - Campo Volo Puntata
Pagine: [1]   Su
  Stampa  
 
Vai a:  


Copyright 2008-2016 © VFRFlight.net | Cookies and privacy policy

Powered by SMF 1.1.9 | SMF © 2006-2009, Simple Machines LLC
XHTML | CSS | Aero79 design by Bloc