Benvenuto! Accedi o registrati.
News:
Pagine: [1]   Giù
  Stampa  
Autore Topic: Aviosuperficie Eremo della Giubiliana, Ragusa  (Letto 3071 volte)
0 Utenti e 1 Utente non registrato stanno visualizzando questa discussione.
abezzi
Moderatore
Super forumista
*
Post: 10.350



« il: 03 Gennaio 2010, 22:59:12 »

Riprendo un post di OOVA di qualche mese fa' perche' ieri ci sono stato, purtroppo via terra, e sono stato ospite dell'Eremo...la pista e' veramente splendida, ed ho fatto un paio di foto da FL 000...riguardo l'ospitalita' dell'Eremo, e' proprio da 5 stelle, camere eleganti ma raccolte, servizio impeccabile, il cibo del ristorante ottimo, cosi' come il vino, e la wellness area a detta di mia moglie ben attrezzata, insomma tutto molto ricercato. Il prezzo, ovviamente, e' da 5 stelle!!!  Cheesy  Cheesy  Cheesy
Riporto le info scritte da OOVA in altro thread:
"ground procedure
parcheggi davanti al bungalow (vedi foto su  www.eremodellagiubiliana.it)
apri l aereo prendi le borse e in 15 secondi sei  nel comodo bungalow con airconditioning. hai dimenticato una borsa nell aereo ? sono altri 30 secondi  (immagina se ti succede a Malpensa..) dopo una buona doccia (che fai SOLO x vedere l aereo dalla finestra) prendi la bici e  a 300 m sei nelle eremo (antico monastero ristrutturato)  comoda piscina con  ombra grazie agli alberi (non agli ombrelloni)

flight procedure.
la pista e`asfaltata  (680m) ed è in salita  (la 07) .
si parte dalla 25 e si atterra sulla 07. Sulla testata  25 cè un muretto e poi la collina sale leggermente per cui partire dalla 07 è un non sense  e atterrare in discesa sulla 25 non è affatto consigliabile.
durante la giornata,nelle ore calde. per il microclima locale tira sempre un po di vento dal mare  il che obbliga ad atterrare per la 07 con vento in coda. raccomandano atterrare di buon mattino o nel tardo pomeriggio.
Tuttavia anche durante le ore calde e con il vento in coda, si puo atterrare sulla 07
alle seguenti condizioni: 1- toccare sui numeri a una approach speed normale   2- aver fede che la salita ,oltre ai freni, frenerà comunque l aereo   poiche la sensazione è quella di andare rapidi , effetto della Groundspeed superiore.  Sono atterrato senza problemi con 15KT di coda con il Seneca seguendo questa procedure.

Ora se si tratta di ULM   con 680m probabilmente non dovrebbero esserci problemi.

altra raccomandazione: in corrispondenza al   downwind  nord della pista  corre una linea elettrica    per cui i circuiti  farli sempre dal lato mare  (non cì sono ostacoli ed il terreno  tende a scendere)

Vi  accoglierá  l  "architetto"  (pilota con esperienza) più  il personale dell Eremo.
Gente OK  mi sono sempre trovato benissimo presso di loro+ "


i bungalow e la torre di controllo sono sulla destra della pista



il muretto di cui scrive OOVA
Loggato

Aldo Bezzicheri
South of the Equator
Moremi Air
"Il pessimista si lamenta del vento, l'ottimista aspetta che cambi, il realista orienta le vele"
lucaberta
Super forumista
*****
Post: 3.242



« Risposta #1 il: 04 Gennaio 2010, 01:15:20 »

Wow!  Non sapevo che avessero anche messo l'illuminazione per il volo notturno!  Questa e' una ottima idea, visto il clima particolarmente favorevole della Sicilia.

Il muretto e' tristemente famoso per un incidente occorso ad un Mooney svizzero qualche anno fa...   Sad

Ciao, Luca
Loggato
OOAVA
Super forumista
*****
Post: 5.091


« Risposta #2 il: 04 Gennaio 2010, 18:01:56 »

ero atterrato pochi giorni dopo il  crash  del Mooney.
Il mooney e`un aereo rapido e richiede un cambio d assetto da landing a  take off (trim + flaps) che richiede qualche secondo . A quanto pare erano arrivati  bene ma arrivati oltre i numeri (pur potendo atterrare e fermarsi a tempo grazie all pista in salita)  hanno avuto la sensazione di non farcela, qualche secondo di  esitazione e poi riattaccatta finita male.

anche questo incidente non è colpa della pista che puo essere chiamata in causa quando ha un buco, una cunetta non visibile   o  ha le pietre che rompono le ruote ma quando è  asfaltata la responsabilita e`tutta del pilota
che giudichera se puo farcela o meno in funzione di lunghezza e orografia.

Loggato
lucaberta
Super forumista
*****
Post: 3.242



« Risposta #3 il: 04 Gennaio 2010, 18:25:37 »

Non solo e' vero quello che hai detto tu Fiore, ma aggiungiamo anche che il Mooney e' un aereo molto permaloso quando si tratta di avere vento in coda, e volando con il mio amico che ha un M20 del 1957 da 150HP, la procedura chiama *sempre* vento in faccia sia per decollo che per atterraggio, se permesso dalle condizioni locali.

Ecco perche' a Carpi una volta ci hanno trattato a male parole, il vento chiamava la 02 per il decollo, e siamo stati obbligati a fare backtrack per andare via come si deve, facendo incavolare qualche pilota e il tipo in biga.  Cavoli loro, anche qui c'e' discrezione del pilota, e per noi decollare con vento a favore era un no-no.

Mi pare di ricordare che il Mooney svizzero avesse anche una componente di vento in coda in quello sfortunato atterraggio, appunto.

Ciao, Luca
Loggato
mikey4468
Super forumista
*****
Post: 4.467


« Risposta #4 il: 04 Gennaio 2010, 19:00:28 »

Citazione
la procedura chiama *sempre* vento in faccia sia per decollo che per atterraggio, se permesso dalle condizioni locali
Beh, però, il fatto di decollare controvento "se permesso dalla condizioni locali" mi sembra non riguardi solo il Mooney, no ? Wink Smiley

Ho capito, comunque, che con il Mooney diventa quasi obbligatorio se non si vuole che il decollo "diventi un'esperienza memorabile". Smiley

Mi piacerebbe, però, capire come mai. Cioè, qualunque aeroplano, con il vento in coda, decollerà ed atterrerà più lungo. Come mai per il Mooney il vento in coda è così critico ?
Loggato
philt
Super forumista
*****
Post: 516



WWW
« Risposta #5 il: 10 Gennaio 2010, 21:09:57 »

Io ci volevo andare nel 2007 con il mio SR22. Sfortunatamente, il gestore mi ha negato l'autorizzazione, ritenendo che il SR22  atterasse "veloce" e che fosse "difficile" (ovviamente non lo è). Ai tempi, venivano autorizzati soltanto aerei STOL ed ultraleggeri.

Non so quale sia la situazione ad oggi. 

Philipp
Loggato

Philipp Tiemann
Pilota AG (VFR/IFR)+VDS
www.fliegen-in-italien.de
Mascottlang
Forumista licensed
*
Post: 81



WWW
« Risposta #6 il: 20 Febbraio 2010, 20:52:41 »

mascottlangato!
Grazie Abezzi.
Gianni
Loggato

Gianni Mascotti - - www.giannimascotti.it
daviza
Forumista pro
***
Post: 237



WWW
« Risposta #7 il: 30 Luglio 2012, 07:07:34 »

Ci sono stato la settimana scorsa.  Cool
La pista non è cambiata, siamo atterrati con 15 nodi in coda e la sensazione è da brivido..
Probabilmente con ulm si può atterrare per 25 senza problemi, tenendo conto che la riattaccata per 25 è banale, essendoci anche la collina a scendere.
Sulla struttura dell'eremo niente da dire, ha mantenuto i livelli già descritti anni fa.  Wink
Loggato

Davide Zampieri
LIDB
Giulio
Super forumista
*****
Post: 864



« Risposta #8 il: 12 Agosto 2013, 19:24:53 »

Bella pista .  Si atterra sempre per 07 che è in leggera salita anche se c'è un po’ di vento in coda . Noi comunque avevamo ca 10 nodi al traverso . Pista lunga non particolarmente difficile . Come già detto grande posto ,  l’Eremo è un posto particolare . Noi abbiamo dormito nei cottage con l’aereo davanti alla porta …great . Ho chiesto al gestore l’architetto Mancini , la storia del Mooney mi ha detto che sono decollati normalmente poi hanno fatto un passaggio per fare un touch and go ma nel riconfigurare l' aereo hanno perso tempo e si sono schiantati sul muretto a fine pista sulla sinistra ( per la 07 ) come dice OOAVA sopra .

@ Philippe con il Cirrus SR 22 no dovresti avere problemi , noi ci siamo fermati prima di metà pista puntando al pettine che è ben dopo la soglia pista comunque  l’arch. mi sembra sempre abbastanza sensibile , quando lo ho chiamato prima di atterrare mi ha fatto un lungo interrogatorio su che aereo avevo , quante ore di volo ho etc etc …

Anche qui comunque senza macchina o moto si è finiti , bloccati nell’eremo , che è appunto un eremo …nel nulla …
La pista

   

L’eremo

   

Fine pista 07 con il fatidico muretto a sx

   

Pista 25

   

E l’aereo di fronte al cottage …mitico …

   



Loggato

Giulio Givo Volpe - I-GIVO - P2002 JF - Padova
Pagine: [1]   Su
  Stampa  
 
Vai a:  


Copyright 2008-2016 © VFRFlight.net | Cookies and privacy policy

Powered by SMF 1.1.9 | SMF © 2006-2009, Simple Machines LLC
XHTML | CSS | Aero79 design by Bloc